Migliori-prodotti.it
Guida all'acquisto dei migliori prodotti per la casa e l'ufficio
IN COLLABORAZIONE con Amazon

By Davide

Davide

Migliore soundbar

Ultimo aggiornamento: Dicembre 2016

Le soundbar sono dei dispositivi tecnologici che consentono di ottimizzare la qualità audio dei sistemi Home Theater di qualsiasi dispositivo HDTV, senza il fastidioso ingombro dei diffusori satellitari.
Ma sarete soddisfatti dai piccoli compromessi che anche le migliori soundbar richiedono ai loro proprietari?
Migliori-prodotti.it esplora per voi tutte le migliori soundbar del 2016 disponibili sul mercato per aiutarvi a trovare la risposta definitiva, valutando le caratteristiche tecniche, le opinioni dei consumatori ed i pareri di autorevoli esperti.

Migliore soundbar in assoluto

Yamaha YSP-2500

Soundbar Yamaha YSP-2500Se si desidera il miglior modello di soundbar in assoluto e non si hanno limiti di budget, è inutile cercare oltre il Yamaha YSP-2500.
La qualità del suono che Yamaha YSP-2500 sa offrire è di primo livello, e l’effetto surround è migliore rispetto a qualsiasi altro tipo di soundbar; per funzionalità, dunque, questo prodotto Yamaha è davvero insuperabile.
YSP-2500 è un modello piuttosto grande, ma anche il suo design è estremamente apprezzato dai consumatori.

Ci piace perché:

  • Qualità del suono eccellente
  • Effetto surround migliore rispetto a qualsiasi altro modello
  • Inclusa connessione wireless utilizzabile per qualsiasi subwoofer

Non ci entusiasma perché:

  • Dimensioni piuttosto grandi
  • Nessun subwoofer incluso
  • Prezzo elevato
AmazonGuarda il prezzo

Migliore soundbar per rapporto qualità prezzo

Sony HT-CT260

Soundbar Sony HT-CT260Gli esperti di tecnologia premiano Sony HT-CT260 per le sue ottime performance, per la sua versatilità e per le interessanti funzionalità, come ad esempio quella del Bluetooth integrato.
Il suo subwoofer wireless offre dei bassi molto più profondi rispetto ad altri modelli della categoria, inoltre HT-CT260 ha un prezzo molto competitivo.

Ci piace perché:

  • Qualità eccellente
  • Supporto integrato Bluetooth
  • Basso molto profondo

Non ci entusiasma perché:

  • Le voci potrebbero essere più chiare
  • La connettività è nella media
AmazonGuarda il prezzo

Migliore soundbar economica

Samsung HW-K450 Sistema Audio Soundbar

Soundbar Samsung HW-H450Il Samsung HW-K450 si guadagna il voto come migliore soundbar economica per la connettività eccezionale e per la buona qualità audio. Questo sistema di altoparlanti a 2.1 canali è dotato di sei piloti dedicati e un subwoofer aggiuntivo. E ‘anche una delle soundbar meno costose che abbiamo recensito.

Samsung dimostra che non c’è bisogno di spendere tanti soldi per ottenere prestazioni eccellenti del suono.

AmazonGuarda il prezzo

Migliore soundbar da piedistallo

Zvox Z-Base 580

Soundbar ZVOX Z-BASE 580sZvox Z-Base 580 è una soundbar con piedistallo dal pregevole design, progettata per fungere da supporto ad un DHTV a schermo piatto.

Questo modello ha riscosso un grande gradimento da parte di consumatori ed esperti grazie alla sua superba qualità audio, alla sua configurazione molto semplice ed alle sue interessanti caratteristiche-bonus.

Ci piace perché:

  • Suono impeccabile
  • Utile anche come base per la TV
  • Semplice da configurare

Non ci entusiasma perché:

  • Nessun subwoofer integrato
  • Leggermente ingombrante
AmazonGuarda il prezzo

Le soundbar, una soluzione audio ideale per il tuo Home Theater

Le soundbar consentono di migliorare notevolmente la qualità audio di una TV, e si tratta di dispositivi ideali per l’Home Theater che vantano un design elegante, essendo progettati, ad esempio, per essere utilizzati come supporto di una TV a schermo piatto, oppure per essere applicati a muro, sotto lo schermo.

Una buona soundbar, deve essere inoltre essere grado di ricreare il piacevole effetto surround, o quantomeno di simularlo.

Le soundbar possono essere scelte in tantissime diverse varianti, non è un caso, dunque, se la relativa “forbice” di prezzo è piuttosto elevata.

Si spazia da modelli che costano circa 100 € fino a soundbar dal costo di circa 2.000 €; tanto maggiore è la qualità del prodotto, ovviamente, tanto più il prezzo tenderà a crescere, ma non si tratta di una regola ferrea, per questo motivo informarsi bene prima dell’acquisto è importante per assicurarsi un vantaggioso rapporto qualità-prezzo.

I migliori modelli includono un subwoofer separato, utile affinché i bassi risultino più profondi, e degli altoparlanti posteriori per accentuare l’effetto surround.

Nella grande maggioranza dei casi, le soundbar sono già dotate di tutti gli elementi tecnologici necessari per ricreare un audio impeccabile.

In commercio sono disponibili anche delle soundbar “passive”, le quali includono esclusivamente i diffusori, ma per poter essere utilizzate necessitano di un ricevitore Home Theater separato o di un amplificatore, proprio come nei tradizionali sistemi di altoparlanti.

Gli esperti concordano nel sostenere che le soundbar possano migliorare notevolmente l’audio di un televisore, ma oltre a tale aspetto è necessario considerare con accortezza anche altri parametri al momento della scelta del modello.

La soundbar di interesse, ad esempio, ha un subwoofer o degli altoparlanti posteriori? È un modello senza fili? Che tipo di ingressi audio ha? Il rapporto qualità-prezzo è soddisfacente?

Tenendo sempre ben presenti questi quesiti, abbiamo passato al setaccio tantissime recensioni in modo da individuare le soundbar più interessanti.

Tipologie

Soundbar

La soundbar è la soluzione ideale per chi ha poco spazio a disposizione, oppure per chi desidera migliorare l’audio del proprio televisore senza doversi dedicare all’installazione di impianti complessi.

Le soundbar sono delle barre dalla forma sottile, dalla dimensione di 40 o più pollici, le quali possono essere installate a parete, oppure collocate su una mensola, sopra o sotto il televisore, assicurandosi ovviamente che il sostegno sia in grado di reggere il peso di questo dispositivo.

La maggior parte delle soundbar conta da 2 a 5 altoparlanti, e alcuni sono dotati di un subwoofer separato, di norma di tipo wireless.

Alcuni modelli offrono una simulazione dell’effetto surround, ma non bisogna aspettarsi risultati eccezionali rispetto al vero surround.

Altri modelli sono dotati di lettore Blu-ray e di DVD integrato nel sistema, è inoltre possibile collegare la soundbar direttamente al televisore, senza dover utilizzare un ricevitore, ma in questo caso ovviamente si dovranno utilizzare alcuni fili per il collegamento.

Tra i modelli più moderni sono sempre più frequenti caratteristiche quali le funzionalità WiFi per l’accesso ai servizi Streaming e ad altri contenuti, così come i collegamenti Bluetooth che consentono di ascoltare musica in Streaming attraverso dispositivi compatibili.

Sistemi HTIB (Home Theater In a Box)

Un pacchetto di Home Theater a 5.1 canali include un ricevitore in grado di decodificare le colonne sonore digitali audio multicanale e cinque altoparlanti compatti, esattamente due anteriori, uno appartenente al canale centrale, e due diffusori surround per la parte posteriore, cui si aggiunge un subwoofer per i bassi più profondi.

Un sistema a 2.1 canali è dotato solo di due altoparlanti frontali e di un subwoofer, ma potrebbe utilizzare l’elaborazione speciale per simulare la classica sonorità dei subwoofer.

I ricevitori dei sistemi HTIB tendono ad essere più semplici rispetto ai ricevitori indipendenti, e di solito comprendono Dolby Digital e DTS per la gestione di tracce audio surround durante la riproduzione di un DVD o di un disco Blu-ray.

Alcuni modelli offrono nuovi formati surround Dolby e DTS, i quali elaborano 6.1 o 7.1 canali che supportano rispettivamente uno o due diffusori surround posteriori.

Alcuni modelli, inoltre, possono supportare formati audio ad alta risoluzione, come il Dolby TrueHD e DTD-HD Master Audio, i quali vengono utilizzati nella maggior parte dei dischi Blu-ray.

Molti dei sistemi HTIB più recenti sono attivati in 3D e sono in grado di inviare segnali da un lettore Blu-ray 3D ad un televisore 3D.

Alcuni sono passare attraverso video 4K UHD ad un Ultra HD TV set.

Questi sistemi di Home Theater sono di norma forniti con tutti i cavi ed i cablaggi necessari per collegare gli altoparlanti; non è in genere possibile, invece, sostituire gli altoparlanti o aggiungerne di nuovi.

Caratteristiche e funzioni

Le tipologie di soundbar disponibili sul mercato spaziano da modelli molto semplici e con poche funzionalità a modelli sofisticati e con molteplici funzioni, da scegliere in base alle caratteristiche del proprio televisore ed ovviamente anche in base alle proprie esigenze.

Alcune soundbar sono dotate di uno o più ingressi HDMI, tramite cui è possibile trasmettere segnali video da un decoder o un lettore Blu-ray al televisore.

La maggior parte delle soundbar sono dotate di almeno un ingresso audio digitale, ottico o coassiale, e di ingressi RCA stereo; in alcuni casi può esser presente anche un minijack da 3,5 mm per il collegamento di un dispositivo portatile cablato.

Alcuni modelli moderni includono delle tecnologie wireless, come Bluetooth e NFC, Near Field Communication, per il collegamento con tablet e smartphone.

Altre funzionalità sempre più comuni sono inoltre quelle di tipo WiFi, tramite cui il diffusore può usufruire dei servizi musicali online in Streaming, nonché le porte USB per la riproduzione di musica memorizzata su un flash drive, o per collegare un iPod o un altro dispositivo Apple.

La maggior parte dei modelli presenta, ancora oggi, un telecomando, ma sono sempre più frequenti i modelli che possono essere comandati tramite uno smartphone o un tablet, scaricando un’apposita applicazione.

Molti modelli sono in grado di decodificare surround Dolby Digital e DTS, altri invece sono in grado di ricreare un effetto surround simulato.

Altoparlanti

Le soundbar hanno in genere una serie di altoparlanti, di norma da 2 a 5, situati nella cassa principale.

Alcuni di essi sono dotati di driver che angolano verso l’esterno, in modo da ricreare nella stanza un campo sonoro più ampio.

La maggior parte dei modelli più moderni è dotata di subwoofer wireless, il quale può essere posizionato praticamente ovunque nella stanza in cui è collocata la soundbar, anche fuori dal campo visivo.

Esistono anche dei modelli che fungono da solida base per la TV, dei veri supporti anch’essi dotati di diffusori, ma la maggioranza di essi è dotata di subwoofer incorporato, piuttosto che esterno.

Spesso, questi diffusori si collegano tramite dei cavi ad un subwoofer wireless o ad un amplificatore, dunque non sono del tutto privi di fili, anche se vi sono diversi modelli che sono alimentati da amplificatori wireless.

I sistemi surround HTIB hanno un numero di altoparlanti che spazia da 5 a 7, cui si aggiunge un subwoofer.

Alcuni subwoofer possono collegarsi anche in modalità wireless, riducendo così in modo ulteriore il numero complessivo di fili.

In questi dispositivi non è possibile aggiungere ulteriori altoparlanti, allo stesso modo non si possono utilizzare tali diffusori con altri ricevitori.

I modelli devono essere collegati ad una presa elettrica, e un subwoofer amplificato offre in genere un maggiore controllo dei bassi.

Accesso al web

Alcune sound bar offrono anche la possibilità di fruire di film in Streaming e di spettacoli televisivi, come ad esempio quelli di Amazon, Tim Vision, Netflix o altri, senza dimenticare i contenuti di stazioni radio online come Napster, Rhapsody , Pandora o Slacker, e i vari Social Network, su tutti Facebook, Twitter e YouTube.

Connessioni A/V

Molti collegamenti HDMI supportano la funzione di canale audio di ritorno (ARC), la quale consente alla TV di trasmettere l’audio al ricevitore HTIB o alla soundbar.

Un ingresso audio digitale, ottico o coassiale, può accettare l’audio digitale dal lettore, dalla scatola digitale via cavo o dal ricevitore satellitare.

Bisogna dunque assicurarsi che all’ingresso della barra del suono o del sistema Home Theater corrisponda l’uscita su un altro dispositivo.

Le prese Switched CA consentono di collegare al sistema altri componenti e di accenderlo in modo completo tramite un unico tasto.

Controlli

Alcune soundbar e HTIB sono dotate di un comodo display.

Alcuni modelli offrono la possibilità di impostare e regolare le funzioni dallo schermo della TV, piuttosto che dal piccolo display della consolle.

I telecomandi si rivelano molto più funzionali se dotati di etichette chiare e di diverse forme, e di pulsanti colorati raggruppati per funzione.

Un modello retroilluminato a distanza sarà molto più semplice da utilizzare in una stanza buia, mentre un telecomando universale può consentire di controllare indistintamente dispositivi di marche diverse.

Molti modelli di Soundbar e HTIB possono essere gestiti anche da smartphone o tablet tramite delle apposite applicazioni Apple o Android, di norma scaricabili gratuitamente in quanto offerte direttamente dal produttore.

Altri collegamenti

Alcune soundbar e HTIB sono dotate di connessione WiFi, in grado di consentire l’accesso ad una ricca gamma di contenuti online.

Ciò renderà la connessione del sistema alla rete Internet domestica molto più agevole se nelle vicinanze non vi è una presa per cavo Ethernet.

Alcuni modelli possono offrire una connettività iPod, iPhone ed iPad tramite un dock o un cavo.

Un 3,5 mm consente di collegare un lettore musicale al sistema, mentre una porta USB offre la possibilità di collegare un giocatore o un flash drive per poter ascoltare musica o per visualizzare foto digitali, e può essere utilizzato anche per caricare un dispositivo portatile.

Uno slot per schede SD consente di inserire foto o video per la loro visualizzazione su televisore, mentre la funzionalità Bluetooth consente di inviare l’audio in modalità wireless ad una soundbar o a un sistema HTIB da un dispositivo Bluetooth, come uno smartphone o un lettore multimediale portatile.

Audio e altre funzioni

Diversi modelli hanno equalizzatori e regolazioni per i bassi e gli acuti.

I DPS utilizzano circuiti digitali per duplicare la qualità del suono, come ad esempio in una sala concerto.

Un interruttore bass-boost amplifica i suoni più profondi, inoltre i modelli con sleep timer integrato si spengono ad un’ora prestabilita, dunque sono ideali per essere impostati per addormentarsi.

 

Suggerimenti per gli acquisti

La scelta delle dimensioni, soprattutto se prevedete un’installazione a muro

Per i televisori più grandi è importante prevedere una soundbar dalle dimensioni più importanti, mentre nel caso in cui si abbia una piccola TV a schermo piatto è bene scegliere una soundbar che non risulti più larga rispetto al suo schermo.

Se non si hanno esigenze particolari dal punto di vista audio, ovvero, ad esempio, se si vuol semplicemente potenziare la potenza audio della TV, si può acquistare anche una soundbar 2.1 canali, modello che include 2 altoparlanti ed un subwoofer separato.

Se si pretende, invece, il classico effetto surround, è preferibile comperare una soundbar con subwoofer e altoparlanti posteriori, preferibilmente di tipo wireless.

Valutare la collocazione della soundbar prima del suo acquisto

Se si desidera posizionare la soundbar sul supporto del televisore assicuratevi che vi sia abbastanza spazio, e che la soundbar non sia così alta da impedire di ricevere il segnale proveniente dal telecomando.

Se lo spazio a disposizione è ridotto, si consideri la possibilità di acquistare un SoundBase da posizionare sul cavalletto della TV; in tal caso non dovrete preoccuparvi di effettuare complessi montaggi.

Non spendere eccessivamente

Se desiderate una soundbar solo per ascoltare l’audio della vostra TV, senza pretese, optate pure per un modello senza fronzoli ed a basso prezzo, ma che assicuri allo stesso tempo una buona qualità del suono.

Se invece si prevede di utilizzare frequentemente la soundbar anche per ascoltare della musica, si consiglia un modello che possa garantire una qualità del suono ancor migliore.

In ogni caso, è inutile sostenere spese eccessive se non si hanno esigenze particolari: i modelli moderni offrono infatti un livello di qualità elevato, dunque non è necessario spendere ulteriormente per delle funzionalità che già contraddistinguono questi dispositivi tecnologici.

Alcuni modelli, peraltro, hanno un costo superiore perché includono dei servizi tramite cui si può fruire di musica online, come ad esempio Pandora e Spotify, ma è possibile usufruire delle medesime funzionalità anche su un modello dal prezzo inferiore, semplicemente collegando un tablet o uno smartphone abilitato all’accesso a tali servizi.

Controllare i collegamenti

Se necessitate di diversi ingressi per collegare sorgenti audio, accertatevi che agli ingressi presenti sulla soundbar o sulla HTIB corrispondano le uscite dedicate ai componenti d’origine.

Optate per una soundbar che supporta Bluetooth se desiderate collegarvi a dispositivi mobili di vario tipo, dunque smartphone, tablet o computer, in modo da poter fruire facilmente di musica e video.

Scegliere un modello con WiFi se si intende accedere a contenuti online direttamente attraverso la soundbar o la HTIB.

Altoparlanti

Un investimento a lungo termine: gli altoparlanti possono durare per molti anni

Gli altoparlanti rappresentano senza dubbio un investimento a lungo termine, potendo durare per lunghi anni: questi dispositivi tecnologici sanno conservarsi impeccabilmente nel corso del tempo, e a differenza di altri prodotti che passano di moda piuttosto rapidamente e che sono dunque soppiantati da modelli di maggiore avanguardia.

Chi è appassionato di audio potrebbe ritrovarsi a spendere davvero tanto per degli altoparlanti, ma non è affatto necessario prevedere un grosso budget per assicurarsi un audio di qualità.

Può essere un buon suggerimento quello di iniziare acquistando una coppia di altoparlanti, per poi provvedere ad aggiungere degli altoparlanti ulteriori qualora necessario, ed ovviamente qualora si abbia dell’ulteriore budget a disposizione.

Cosa è disponibile

Gli altoparlanti sono venduti in coppia per le configurazioni tradizionali, oppure in gruppi da 3 a 8 pezzi se si vuole realizzare il classico effetto Home Theater.

Affinché l’effetto audio risulti equilibrato è preferibile acquistare in coppia gli elementi anteriori di sinistra e di destra, piuttosto che singolarmente, e l’altoparlante centrale dovrebbe essere acusticamente abbinato ai diffusori anteriori.

Ogni singolo altoparlante ha uno scopo diverso: i diffusori anteriori sono utilizzati per la riproduzione di musica stereo, mentre in un impianto di Home Theater propaga il suono a sinistra e a destra.

L’altoparlante centrale è fondamentale nella diffusione del suono, mentre gli altoparlanti posteriori, ovvero i cosiddetti diffusori surround, ricreano degli effetti audio speciali, come ad esempio il piacevole effetto “folla”.

Diffusori da scaffale

Questi particolari altoparlanti hanno in genere delle dimensioni contenute, e il più grande non supera i 20 pollici di altezza; è utile quindi accertarsi, al momento dell’acquisto, che il modello in questione non sia eccessivamente grande per lo scaffale o per la mensola su cui andrà collocato.

Altoparlanti come questi sono una scelta ottima per chi desidera ascoltare dei bassi senza alcun fastidioso ronzio.

Altoparlanti da terra

Dotati in genere di 3 o 4 “piedi”, questi grandi dispositivi possono fungere anche da unico altoparlante in un sistema stereo, oppure come coppia anteriore in un sistema Home Theater.

Si tratta di dispositivi ottimi per migliorare la qualità dei bassi, ma il loro ingombro non è trascurabile; essendo molto evidenti, inoltre, deve essere valutato con la dovuta accortezza anche il loro impatto estetico, è dunque importante sceglierne un modello dal design piacevole e che si associ in modo ottimale allo stile della stanza.

Diffusore del canale centrale

In una configurazione multicanale, il diffusore del canale centrale viene in genere collocato sopra o sotto il televisore, avendo come compito principale quello di legare il suono emesso a quanto trasmesso dallo schermo.

Questi altoparlanti, in genere, sono più larghi che alti.

Diffusori posteriori Surround

Questi particolari diffusori riescono, nell’ambito di una configurazione multicanale, a ricreare degli effetti audio molto piacevoli e particolari, come ad esempio l’effetto “folla”, oppure l’audio tipico di un’auto in corsa o di un aereo in volo.

È possibile scegliere tra vari formati, quali Dolby Digital, Digital Theater System (DTS).

Gli altoparlanti posteriori tendono ad essere piccoli e leggeri affinchè possano essere collocati facilmente su una semplice mensola a parete.

Set a 3 pezzi

Anche noti come set 2.1 canali, questi sistemi combinano due diffusori ad un subwoofer per i bassi.

In alcuni può essere presente un diffusore del canale centrale, piuttosto che un subwoofer.

Set da 6 a 8 pezzi

Queste soluzioni sono ideali per chi desidera un effetto Surround completo, e sono dotate di un diffusore del canale centrale, un subwoofer e altoparlanti posteriori ed anteriori.

Tali modelli differiscono dal sistema Home Theater per il fatto di necessitare di un ricevitore.

Il loro costo è in genere medio-alto, e spazia da un minimo di 300 € ad un massimo di 1.000 €.

Subwoofer

I Subwoofer riproducono i bassi e tutte le basse frequenze, ed in una configurazione stereo multicanale.

La maggior parte di questi modelli è dotata di amplificazione, e la loro collocazione all’interno della stanza di interesse potrebbe richiedere una certa accortezza, per evitare che il suono offra un indesiderato effetto “rimbombo”.

Molti modelli moderni sono di tipo Wireless, in modo che non si debba ricorrere a nessun cavo ricevitore.

Recensione di altri prodotti interessanti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *